?value=1 Bagno cieco? No problem!

Bagno cieco? No problem!

Il bagno senza finestre, il cosiddetto bagno cieco. Per qualcuno si tratta del bagno di servizio, per altri è il bagno principale, soprattutto se si tratta di case più piccole.

Al contrario di quello che si pensa, non è una tragedia! Ma ci sono dei piccoli accorgimenti che possono essere d’aiuto per evitare qualcuno degli inconvenienti che un bagno privo di luce naturale comporta.

PRIMA DI TUTTO: L’AREAZIONE

Senza dubbio il primo aspetto da tenere in considerazione è l’assenza della corretta areazione della stanza. Ciò provoca maggiore umidità, perciò problemi di muffa e cattivi odori. Lasciare la porta aperta aiuta, ma non risolve il problema. È necessario dotare la stanza da bagno di un sistema di areazione sfruttando il fenomeno della convenzione dell’aria inserendo apposite griglie: una in basso per immettere aria fresca e l’altra in alto per espellere l’aria calda.
Inoltre si dovrebbe valutare l’installazione di una ventola di aspirazione elettrica. Oggi tra l’altro le producono molto più silenziose e con design più accattivanti, provviste perfino di timer per evitare lo spreco di energia.

ATTENTIONE AI RIVESTIMENTI

Il nostro consiglio è di usare materiali resistenti e impermeabili. Tra questi c’è il gres porcellanato: risponde a queste caratteristiche ed è perfetto per innumerevoli stili, senza rinunciare a modernità ed eleganza. Anche la ceramica è perfetta, l’importante è evitare tonalità troppo scure che, in assenza di luce naturale, renderebbero l’ambiente più cupo.

PAROLA D’ORDINE: ISOLAMENTO

Per scongiurare la comparsa di muffa e antiestetiche macchie su soffitti e pareti, è raccomandabile un sistema di isolamento per pavimento e soffitto. Come? Un’ottima idea sono i pannelli in poliestere estruso. Sono idrofughi, perciò con un’ottima tenuta per umidità e infiltrazioni. Più sono spessi sono e maggiore sarà l’isolamento, sono inoltre molto versatili, infatti possono essere facilmente tagliati e sagomati a seconda delle varie esigenze.

W L’IDROPITTURA

Se le pareti non sono rivestite con piastrelle, l’idropittura è la soluzione. Sono infatti appositamente realizzate per non permettere la formazione di muffa e condensa.

GIOCA CON LA LUCE!

È vero: la luce naturale è insostituibile ma potete giocare con l’illuminazione artificiale! Noi vi consigliamo di prediligere la luce fredda. In particolar modo in “zona specchio” sono ideali le luci led che assicurano consumi ridotti ed elevata luminosità (perfetta per il make-up o la rasatura!). In ogni caso, un solo punto luce non basta, bisognerebbe prevedere diverse sorgenti luminose per adattarsi alle varie funzioni, incidendo sull’impatto visivo dell'ambiente, con il notevole vantaggio estetico dato dalla varietà.