?value=1 Curiosità dal mondo: il bagno come antico rituale

Curiosità dal mondo: il bagno come antico rituale

Bagno, dal latino balneum, che indica l’immersione in un liquido e, nello specifico, l'immersione del corpo in acqua a scopo igienico, terapeutico o rituale.

Sì, in tantissime culture quella di fare il bagno è un’abitudine che va ben oltre la pura sfera dell’igiene personale.
Anche nel cristianesimo, sia il battesimo che la lavanda dei piedi possono essere considerate forme di abluzione. E nelle altre culture?

OFURO, ANTICO RITUALE GIAPPONESE

ofuro giapponese

L’Ofuro (o Furo) è l’antico rituale del bagno giapponese che veniva praticato in vasche di legno hinoki, il cipresso giapponese. Non ha nulla a che fare con l’igiene e in effetti viene eseguito di sera, al termine della giornata, dopo essersi accuratamente lavati corpo e capelli con acqua calda e sapone.
Lo scopo dell’Ofuro è infatti la purificazione e la liberazione dallo stress accumulato durante la giornata, anche perché la temperatura dell’acqua è molto alta, tra i 38° e i 42°. Secondo la tradizione, ogni membro della famiglia utilizza la stessa vasca e la medesima acqua e ci si immerge in ordine gerarchico: gli ospiti fanno il bagno per primi, seguiti dagli anziani, dai figli e dalla madre.
Ancora oggi i giapponesi inseriscono la vasca per l’Ofuro nelle loro abitazioni, negli hotel e persino nei bagni pubblici, anche se ormai queste vasche sono realizzate in acrilico o acciaio.

MIKVAH, UN RITO DI PASSAGGIO

Immagine2

Il mikvah (o mikveh) è un bagno rituale che serve a purificare il corpo a seguito di alcuni atti impuri. L’acqua che riempie la vasca per il mikvah deve provenire da una fonte naturale, da una falda acquifera, perciò l’immersione può avvenire anche in un oceano o in un lago. Secondo la tradizione, non devono esserci barriere tra la donna e l'acqua, perciò vanno rimossi vestiti e gioielli, trucchi, unghie finte e prodotti per capelli.
Nell’ebraismo ortodosso, l’immersione nel mikvah è obbligatoria:

  • A seguito delle mestruazioni, prima di ricominciare relazioni coniugali
  • A seguito del parto, prima di ricominciare relazioni coniugali
  • Per una sposa, come preparazione al matrimonio
  • Come parte del processo di conversione all'ebraismo.
GHUSL, RITORNARE PURI AGLI OCCHI DI ALLAH

Nell’Islam le abluzioni purificatrici sono strettamente legate alla preghiera e vengono compiute per recuperare lo stato di purità agli occhi di Allah dopo aver violato le sue disposizioni. Il ghusl prevede l’immersione totale del corpo ed è obbligatorio:

  • Per le donne dopo le mestruazioni
  • Per i cadaveri (se non morti durante una battaglia)
  • Dopo l'attività sessuale
  • Dopo il parto.