?value=1 LondonArt: la carta da parati che sognavi

LondonArt: la carta da parati che sognavi

Vi ricordate le vecchie carte da parati con disegni e colori improbabili con cui nonne e madri tappezzavano soggiorni e salotti?

Dimenticatele! La carta da parati, o “wallpaper”, ha subito una splendida evoluzione, sia dal punto di vista grafico che della qualità e resistenza dei materiali.

PERCHÉ È TORNATA IN VOGA?

Rinnovata da tutti i punti di vista, la carta da parati ha ripreso a incuriosire e attirare, soprattutto per la sua praticità, per le infinite texture disponibili e per la conseguente possibilità di personalizzare gli ambienti di case, uffici e attività commerciali.
Inoltre, come dicevamo, i materiali utilizzati oggi (vinile, fibra di vetro, stoffa, carta, materiale ignifugo, nylon e pvc) hanno anche permesso di ampliare gli ambienti in cui applicarla, inclusi quelli più umidi come bagno e cucina.
Uno dei nostri brand preferiti è senza dubbio LondonArt. Non fatevi trarre in inganno dal nome: l’azienda è italiana e ha sede a Milano (… e a Miami!) dal 2009.

PERCHÉ LONDONART PIACE TANTO?
  • Innanzitutto per le grafiche che propone, così originali e variegate che riescono ad accontentare tutti: dai motivi geometrici a quelli con effetti 3D, da originalissimi motivi floreali che ricordano giungle selvagge fino ai quadri più famosi, da pesciolini rossi fluttuanti a oniriche scene circensi e così via;
  • Per le collaborazioni con artisti e designer. Attualmente sta proponendo la collezione LUXURY SHIT con carte da parati che rappresentano i soggetti iconici delle foto scattate da Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari;
  • Per i materiali utilizzati, sempre più “green”, lavabili e impermeabili.
DOVE APPLICARLA?

Fondamentalmente la carta da parati LondonArt si divide in due grandi tipologie: da un lato le carte per pareti e soffitti di ambienti “asciutti”, nonostante si tratti comunque di un prodotto lavabile; dall’altro lato ci sono le carte da parati per gli ambienti più umidi, tra cui anche quelle che possono trovarsi a contatto diretto con l’acqua. Per intenderci, potete rivestirci anche la doccia (ovviamente previa impermeabilizzazione come si farebbe prima di posare un qualsiasi rivestimento in ceramica o vetro).

Vi abbiamo incuriosito? Trovi LondonArt negli showroom Ciciriello!